EN PÀTHEIA

5 luglio 2016 § Lascia un commento

 

 

 

E io ora capisco

Il Polpo immobile sullo scoglio

Ignaro della fiocina del pescatore.

E capisco il gatto nelle grondaia

Che spende la sua quinta vita nascosto

Rantolando nel dolore.

E capisco la seduta di basalto

Che incurante dell’ombra

Rilascia il calore del giorno.

E capisco le braci nella cenere

Indecise tra il vento che le ravviverá

E l’acqua che le spegne.

Quello che non capisco é il Tempo.

Ma mi ripeto come un Mantra

È solo convenzione.

 

Naghib El Alwsrsawi

Poeta Siriano XVII secolo

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo EN PÀTHEIA su segatura.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: