Ma perché non lo ammettete?

16 febbraio 2016 § 2 commenti

20160208_145937Cosa spinge un attempata eterosessuale ad esprimersi sulla proposta di legge Cirinnà senza averne alcuna competenza specifica? Null’altro che un senso di giustizia e un’innata intolleranza all’ipocrisia. Lo scempio umano e legislativo che si sta perpetrando in merito all’esigenza di un regolamento delle Unioni Civili, reclamato in primis dall’Unione Europea, pone in essere una riflessione che deve smascherare una grossa ipocrisia di fondo che, a mio parere, è solo una delle componenti dei tanti aspetti del riconoscimento delle coppie di fatto. Coloro che osteggiano una discussione seria su questo argomento, sostengono in ultima istanza, non potendo sbandierare la propria manifesta omofobia, che i figli noi siano un diritto e su questo mi trovano pienamente concorde: i figli sono un istinto, quello di sopravvivenza e di perpetuazione della specie; è ciò che consente all’essere umano di continuare a vivere in questo pianeta e su questo non vedo come potrebbero il Vaticano o i sostenitori del Familiday non essere d’accordo.
I preti e le suore, da che mondo è mondo, hanno sempre fatto figli, bambini tenuti nascosti o affidati a istituzioni o adottati da coppie sterili. Le persone Lgtb hanno sempre procreato o cavandosela da soli o costretti in una ipocrita famiglia proprio per garantire ai questi bambini dei diritti uguali a tutti gli altri. Certo l’adozione del figlio del coniuge comporterà la trasmissione del cognome, i congedi parentali, la reversibilità della pensione, la successione del patrimonio, nulla di diverso da quello che spetta a tutti gli altri bambini, e allora, qual’è il vero problema?
Ho il sospetto che queste persone non accettino proprio che un omosessuale possa essere Padre o Madre, relegando il ruolo del “diverso” a qualcosa che concerne solo l’aspetto sessuale con tutte le connotazioni negative che, da bigotti frustrati, riescono a concepire: la lussuria, la perversione, il disordine, il vizio. Qualcosa che fanno tutti ma di nascosto, la prostituzione, la devianza, le pulsioni inconfessabili che attanagliano loro stessi per primi e che accostati alla purezza e all’innocenza dei bambini stonano. A me viene in mente l’Eugenetica, le sterilizzazioni forzate dei malati psichici e dei disabili, gli esperimenti atroci del Nazismo, i bambini sottratti ai nativi agli zingari e agli omosessuali, pratiche che fino agli anni cinquanta erano diffuse in Australia, nel NordAmerica e nel civilissimo NordEuropa, e sono sicura che se avessero il coraggio di rispolverare queste pratiche protrebbero racimolare ancora più consensi. Basta solo liberarsi dell’ipocrisia: perchè non lo ammettete?

Annunci

§ 2 risposte a Ma perché non lo ammettete?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Ma perché non lo ammettete? su segatura.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: