17 gennaio 2014 § Lascia un commento

                                                               De Antiproibizionismo

 

Si sa, in Italia basta far passare quarantott’ore e i polveroni mediatici sollevati ad arte si dissolvono; e così un tweet sbadato di un ignaro leghista è diventato per tre giorni oggetto di discussioni infinite che hanno lacerato maggioranze e opposizioni, laici e credenti, bigotti e liberisti, cannaioli e appunto proibizionisti. Nel furore mediatico si sono potute salvare serissime statistiche sul fallimento del proibizionismo, sull’evidente vantaggio economico e sociale della liberizzazione delle droghe leggere con conseguenti ricadute sul PIL, un concreto aiuto nella soluzione al problema del sovraffollamento delle carceri, nello snellimento dei processi e quindi un alleggerimento dei tempi antelucani della giustizia, nel contrasto alle organizzazioni malavitose che proliferano con l’importazione e lo spaccio di stupefacenti sul territorio. Ma a quanto pare la ragione non basta e tutta la discussione non è stata altro che un ignobile pretesto per ricattare gli avversari politici. E allora mi sono chiesta: ma perchè una scelta che porterebbe così evidenti vantaggi non trova una seria discussione nelle sedi appropriate, cioè non nel circo mediatico ma in parlamento, è possibile che chi contrasta la proposta di legalizzazione lo faccia solo per motivi etici, è normale che quattro bigotti ignoranti possano limitare la crescita e lo sviluppo o almeno la normalizzazione di un paese civile? Nel nostro paese c’è la sana abitudine di coalizzarsi per intraprendere battaglie non in nome di un ideale ma sempre contro qualcuno o qualcosa: contro la droga, la mafia, la pedofilia, il femminicidio, l’inquinamento, i terroni, la juventus… Ciò presuppone che a queste campagne di protesta di volta in volta non partecipino tossici, mafiosi, pedofili, maschi violenti ecc. Ora i consumatori di stupefacenti non appartengono ad una categoria ben definita ma sono piuttosto trasversali e per ovvi motivi non ne dichiarano apertamente l’appartenenza ma, almeno alcuni di loro, tendono a nascondersi piuttosto che coalizzarsi per reclamare la propria libertà di acquisto e consumo. Ma mentre ci sembra impensabile, ad esempio, che un gay o una lesbica che per motivi personali ancora non abbia deciso di fare outing possa discriminare nell’ambiente di lavoro una persona per il proprio orientamento sessuale, assistiamo a manifestazioni di ipocrisia quando si discute di droghe leggere.

Certo nel novero ritroviamo il ragazzino di V ginnasio che fuma nel bagno della scuola, l’universitario fuori sede che condivide il posto letto in camere asfissiate, il professionista che tornato a casa si concede una canna per rilassarsi, l’ex figlio dei fiori sessantenne che fuma e quasi sempre coltiva autonomamente la sua piantina d’ erba, l’autista alienato dell’autobus che ci trasporta la mattina al lavoro ma non tutti, ognuno per i propri motivi o le proprie convenienze, manifesterebbero a favore della legalizzazione e soprattutto non li vedremo mai in piazza tutti insieme mentre ci si aspetterebbe da una così ampia platea di fruitori una voce di sostegno forte e consapevole. Quando poi si discute di legalizzare e regolamentare la prostituzione ci si scontra contro un muro di omertà pur sapendo che le stesse prostitute sarebbero largamente favorevoli ad organizzarsi in una categoria ben definita e soprattutto tutelata, l’opposizione arriva proprio dalla maggior parte dei fruitori, maschi adulti ed economicamente autonomi che preferiscono continuare a sfruttare le donne preservando l’anonimato; o la piaga dell’alcolismo che dati alla mano provoca molti più danni immediati e prolungati nel tempo della cannabis ma viene ancora considerato alla stregua di una virile abitudine socializzante; o il gioco d’azzardo, più o meno legale che rovina intere famiglie nell’indifferenza o peggio nella compiacenza di uno stato e dei pochi che se ne arricchiscono; o la lobby dei produttori di armi che sta prendendo piede anche da noi con il nemmeno tanto larvato intento, nemmeno fossimo nel Mid West, di far prevalere la tesi che sia normale farsi giustizia da soli. A questo proposito allora mi ritorna in mente il bellissimo rap di Frankie HI-NRG ” Quelli che ben pensano” che fotografa perfettamente la situazione a cui assistiamo oggi in Italia. Se oggi ci tocca rimettere in discussione i diritti conquistati a prezzo di lotte durissime nel corso della nostra storia democratica è anche perchè sfiduciati dalla politica non abbiamo più la forza di unire le nostre voci; se non riusciamo a reclamare provvedimenti volti al progresso e alla giustizia sociale è perchè in fondo in fondo ci fa più comodo schierarci tra i benpensanti senza correre il rischio di essere schedati sperando che la mala sorte di essere beccati con dieci grammi di fumo o a rimorchiare una prostituta capiti a qualcun’ altro pronti immediatamente a commentare: chi l’avrebbe mai detto, sembrava una brava persona, salutava sempre… 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo su segatura.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: